Giorno Memoria, Cioffari (Sel-SI): “Un monumento agli stermini dimenticati”.

Bundesarchiv_Bild_146-1993-051-07,_Tafel_mit_KZ-Kennzeichen_(Winkel)_retouched

“In occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria, istituita dal Parlamento Italiano nell’anno 2000 al fine di ricordare la Shoah, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”, dichiara in una nota Mauro Cioffari (Responsabile Diritti Civili SEL Roma Area Metropolitana e Capogruppo SEL-SI nel I Municipio), “aderiamo e parteciperemo agli eventi organizzati a Roma e alla fiaccolata per gli stermini dimenticati (rom, sinti, camminanti, omosessuali, transessuali, disabili, Testimoni di Geova), che partirà Mercoledì 27 gennaio 2016, alle 18.00, da Piazza dell’Esquilino per concludersi a Via degli Zingari, organizzata da Opera Nomadi e dal Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli”.

“Nel 2001, in Via degli Zingari, nel Rione Monti”, ricorda Cioffari, “il Comune di Roma, l’Opera Nomadi e la Comunità Ebraica affissero una targa per ricordare la persecuzione e lo sterminio subiti dai popoli rom, sinti e camminanti da parte del nazismo tedesco e del fascismo italiano”.

“Il Comune di Roma”, ricorda Cioffari, “nonostante l’approvazione nel 2010 della mozione n. 10, prima firmataria la Consigliera SEL Gemma Azuni, e nonostante le numerose sollecitazioni ricevute dal I Municipio attraverso l’approvazione di ordini del giorno e risoluzioni, non ha ancora restituito, a livello simbolico, con un’unico monumento, la giusta dignità e la dovuta memoria a tutti gli stermini dimenticati”.

“Per queste ragioni”, continua Cioffari, “per contribuire alla completezza della narrazione, della riflessione e del ricordo dei tragici fatti sollecitiamo la realizzazione di un monumento alla memoria di rom, sinti, camminanti, omosessuali, transessuali, disabili, Testimoni di Geova perseguitati dal nazifascimo, così come è già avvenuto nelle città di Amsterdam, Berlino, Auschwitz, Nuengamme, Sachsenhausen, Bologna ed in numerose altre città, in modo tale da offrire uno spazio ed un riferimento evocativo di tutte le vittime del nazifascismo restituendo così la funzione educativa, di conservazione della memoria e di socializzazione del ricordo che spetta all’Amministrazione Capitolina”.

“Sollecitiamo, infine”, ribadisce Cioffari, “la necessità di modificare la legge n. 211 del 20 luglio 2000, così come proposto dal Senatore Massimo Cervellini (SEL), per estendere il Giorno della Memoria agli stermini dimenticati restituendo dignità e giustizia ha chi perseguitato dalla barbarie nazifascista rischia di essere dimenticato e definitivamente sepolto dalla storia”.​

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...