La parapsicologia e una nuova visione dell’omosessualità.

La parapsicologia e una nuova visione dell’omosessualità. Articolo di Lavinia Capogna.

Da millenni si sostiene che esisterebbe l’anima (dal sanscrito e dal latino vento o soffio) cioè l’essenza di un essere umano che sarebbe immortale e che potrebbe tornare sulla Terra per migliorare secondo la legge di causa/effetto del karma che non sarebbe come pensano molti occidentali una punizione ma un modo per continuare ad apprendere, assumendo qualsiasi genere, nazionalità, classe sociale – che gli/le sarebbero utili spiritualmente.

I primi documenti che conosciamo sulla Reincarnazione sono i testi sacri millenari dell’Induismo e del Buddismo. 

Anche Pitagora, Platone, Cicerone e Virgilio credevano nella reincarnazione. Ed anche i cristiani dei primi secoli (ci sono nei Vangeli un paio di frasi che sembrano collegate alla rinascita) ma nel Concilio di Costantinopoli del 553 la Chiesa cattolica la rifiutò.

Anche gli Esseni ebrei, un gruppo spirituale che viveva in modo comunitario e pacifico 2000 anni fa, credevano in essa ma non la religione ebraica e non quella musulmana.

Nel 1969 la giornalista Fausta Leoni raccontò molto coraggiosamente la sua vita privata e l’incontro con una grande sensitiva grazie alla quale guarì completamente da sintomi e situazioni inspiegabili.

Attualmente lo psichiatra Brian Weiss, laureato alla Yale University, ed ex non credente, lavora sulla ipnosi regressiva che farebbe riemergere episodi di vite passate ed altrettanto psicologi come Manuela Pompas, Angelo Bona ed altri. 

Il dottor Ian Stevenson e il suo collaboratore dottor Jim Tucker (psichiatri) dell’università della Virginia hanno invece studiato migliaia di casi di bambini molto piccoli che parlano di vicende di persone decedute facendo anche nomi propri e di luoghi che i bambini non possono conoscere.

Lo studio della reincarnazione è solo una branca della parapsicologia, questi scienziati chiamano consciousness (coscienza) ciò che un buddista o un cristiano chiamerebbe “anima”. Tra gli studiosi più importanti in vari ambiti ci sono stati la psichiatra Elisabeth Kübler Ross (che detto per inciso ha anche elaborato i cinque stadi del lutto e curato ammalati di Aids quando erano socialmente perseguitati) e ci sono solo per citare i più noti Richard Moody, Jeffrey Long, Eben Alexander, Pin Van Lommel, tutti medici, che hanno studiato le near death experience, Friedrich Jürgenson, Konstantin Raudive, Ernesto Bozzano, Gabriella Alvisi, Marcello Bacci che si sono dedicati alla metafonia cioè alle voci che si registrano su apparecchi. 

I più importante circoli spiritici sono stati il Cerchio 77 Firenze e quello del professore De Simone. 

Oltre alle sedute in cui i medium vanno in trance esistono comunicazioni ottenute con un tabellone con le lettere dell’alfabeto e un bicchierino che necessitano di un medium o quelle con scrittura automatiche o visualizzazioni (queste ultime però anche se a volte attendibili possono essere più suscettibili di errori).

Altri hanno studiato il paranormale come saggisti tra cui Roberto Giacobbo, Paola Giovetti, Amedeo Rotondi, fondatore dell’omonima libreria a Roma, molti altri hanno raccontato le proprie esperienze tra cui l’avvocato Alberto Sardos Albertini, cattolico, che ha devoluto tutti i proventi del suo libro “Esiste L’ Aldilà” ad associazioni di beneficenza. La chiesa non è favorevole alle comunicazioni.

Anche Carl Gustav Jung si interessava al paranormale.

Fatti inspiegabili come le premonizioni, i sogni che anticipano eventi futuri (di cui si parla nella Bibbia sia nel celebre episodio di Giuseppe sia nel Vangelo riguardo alla moglie di Ponzio Pilato), saper focalizzare a distanza anche di migliaia di chilometri oggetti e colori sono adesso studiati.

Alcuni fisici si occupano della consciousness, uno degli studi più importanti è quello sul biocentrismo di Robert Lanza, considerato uno dei fisici più importanti degli Stati Uniti, nonché alcune parti della fisica quantistica.

Il più famoso sensitivo italiano è stato Gustavo Rol ed altri collaborano correntemente con gli investigatori in alcune indagini. Celebre la storia di Edgard Cayce negli Stati Uniti, un fotografo che in uno stato di sonno/trance sapeva dettare diagnosi e terapie mediche esatte senza avere nessuna conoscenza medica.

Anche Nostradamus non era il personaggio fumettistico che si dipinge ma era un dotto e medico francese che nelle sue Centurie ha saputo “vedere” eventi futuri.

Secondo la spiritualità il tempo non esiste e coesiste, il futuro non è scritto ma dipende dalle scelte delle persone che in tal modo ne sono sempre responsabili.

Alcuni grandi filosofi e alchimisti come Giordano Bruno e Paracelso, da cui nasce la medicina moderna, credevano nella reincarnazione.

Grandi scrittori si sono occupati del paranormale tra cui Wolfgang Goethe, Victor Hugo, Rebecca West, Rosamonde Lehmann, Conan Doyle, il poeta Yeats, Aldous Huxley, Borges, Isabel Allende e il regista Federico Fellini.

Naturalmente il campo del paranormale, che così è stato definito dal suo primo studioso nel 1800 Allan Kardec, pedagogo francese, ha avuto e ha anche dei ciarlatani che ne fanno un business e naturalmente la ricerca del paranormale deve essere sempre unita ad alte finalità spirituali ma tra grandi filosofi, scrittori, psichiatri e medici che hanno fatto accurate ricerche e i ciarlatani c’è indubbiamente un’enorme differenza che non viene mai sottolineata dal Cicap, un’associazione fondata da Piero Angela, che vorrebbe indagare il paranormale ma che in realtà è di parte e tenta sempre di smontarlo con labili argomentazioni.

Si può credere o non credere o si può essere in dubbio ma prima di sostenere qualcosa bisogna conoscere a fondo (ovvero aver letto tutti i testi) e saper guardare in modo obiettivo.

Spiritualità e LGBT+

In una dimensione spirituale anche l’omosessualità e il transgenderismo acquisterebbero una nuova luce. Ad esempio presso i native american, cioè gli indiani, questi orientamenti sentimentali erano del tutto accettati: i transessuali erano chiamati “due spiriti”.

In alcune civiltà molto più naturali della nostra e in connessione profonda con la natura spesso gli omosessuali sono dei guaritori in quanto si pensa che abbiano una maggiore connessione con il Cielo.

Alla luce di uno sguardo spirituale l’omosessualità non sarebbe né un peccato né un vizio come era definita in passato, né una malattia (ipotesi che la psicologia ha del tutto sconfessato ufficialmente nel 1990 ma non gli psicologi che esercitano ancora le nocive e redditizie terapie riparative, gli ignoranti o i bigotti in malafede), né “il comportamento intrinsecamente disordinato” che ancora sostiene la chiesa cattolica nonostante le positive aperture di Papa Francesco ma bensì un’esperienza spirituale che consentirebbe all’anima, se ben vissuta, di progredire.

E quindi non avrebbe alcuna importanza l’aspetto fisico delle persone che si amano in modo autentico. 

Sarebbe tempo che in questo mondo distrutto da una visione piattamente materialistica la quale ha portato ad una diffusa mancanza della più basilare umanità si riscoprisse una autentica dimensione spirituale di cui fa parte ragionevolmente anche una nuova visione dell’omosessualità.

“Perché già una volta io fui fanciullo e fanciulla

e arbusto e uccello

e pesce muto che guizza fuori dal mare”

Empedocle, poeta e filosofo Greco

“La nostra nascita è un sonno ed è stato dimenticato:

l’anima che si alza con noi, la stella della nostra vita,

ha avuto ovunque la sua collocazione,

e viene da lontano:

né nell’intera dimenticanza,

e né nella completa nudità,

ma nelle nuvole trascinanti di gloria noi veniamo

da Dio, che è la nostra casa:

il cielo è sopra di noi nella nostra infanzia (…)

William Wordsworth

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...